Piramide Maya ed astrologia

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
ninmah62
00Tuesday, November 25, 2008 4:01 PM
La piramide di KUKULCAN a CHICHEN-ITZA, si delinea al di sopra della bassa foresta di arbusti della Penisola dello Yucatàn come una fortezza medievale trasportata in un ambiente estraneo. In effetti, i "conquistadores", i primi europei che videro questo splendido monumento, lo chiamarono EL CASTILLO, "il castello".

Alta 24 metri, e dal lato di base quasi 56 metri, la piramide è formata da una serie di 9 piattaforme sovrapposte a gradinata l'una sull'altra, sormontate da un piccolo tempio quadrangolare cui si accede salendo per ripide scalinate.
Sulle due facce completamente restaurate, i muri delle scalinate assumono la forma di serpenti allungati e stilizzati (il serpente piumato della mitologia mesoamericana) terminanti ciascuno al piede delle scalinate in una grottesca testa di rettile, alta quasi 1 metro e mezzo.

Al crepuscolo dell'Equinozio di Primavera, quando il Sole tramonta quasi esattamente ad ovest, i visitatori che osservano questa rovina maya, possono ammirare un fenomeno che la rende ancor più impressionante e affascinante.

Quando da un lato del muro della scalinata, sulla facciata settentrionale, il Sole scende verso l'orizzonte piatto, i suoi raggi obliqui disegnano un motivo a denti di sega di luce e d'ombra. 7 triangoli di luce appaiono in sequenza, discendendo lentamente la balaustra del corpo del serpente dalla cima della piramide sino alle fauci spalancate della testa del rettile.

Per un istante, quando il Sole raggiunge l'angolo giusto, l'intero serpente è dipinto di luce, cosicché il suo corpo di pietra sembra presentare i disegni a rombi tipici della livrea di un crotalo.

Poi, quando il Sole è sceso ancor più, l'ombra della notte sale dal terreno ed i triangoli di luce si spengono uno ad uno, cominciando dalla testa del serpente e progredendo gradualmente sino alla coda. Infine, l'ultimo triangolo alla sommità della piramide svanisce, e l'intera struttura viene inghiottita dalle tenebre.

All'interno della piramide, esattamente al di sotto del tempio e press'a poco nel punto in cui scompare l'ultimo triangolo di luce, c'è una camera segreta nella quale è custodita una statua ingioiellata del giaguaro sacro, simbolo del Sole.

Nell'antico calendario Maya l'Equinozio di Primavera era una data importante perché commemorava il ritorno di KUKULCAN dal cielo, la celebrazione della rinascita di un dio.

Il calendario iniziava da una data che è possibile coincidesse, nella nostra cronologia, con l'8 Giugno 8498 a.C., ma il problema di questa data non è ancora stato risolto.

I Maya possedevano straordinarie conoscenze astronomiche fin dal IV millennio a.C. Sono giunte a noi numerose osservazioni, ad esempio di un eclissi di Luna del 15 Febbraio 3379 a.C. In particolare erano ben conosciuti i periodi sinodici dei Pianeti e la periodicità delle eclissi.

Alessandro Benassai
estratto da Astrologia Iniziatica Scienza dei Magi



www.archeosofica.org/index.php/Pira...Astrologia.html
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:35 PM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com